I NOSTRI VINI RECENSITI

Collespino Tenimenti | Bibenda 2019

"Mi avevano sconsigliato di fare il rosato nel 2017, visto l'andamento dell'annata; ma ho voluto provare lo stesso: giudicherete voi il risultato". In queste parole c'è tutta la simpatia e la schiettezza di Augusto di Marziantonio, che con la moglie Silvia ha coronato il sogno di avviare una piccola produzione vinicola vicino Narni. Per due avvocati romani, ancorché nostri sommelier, la scelta era tutt'altro che facile e scontata: una piccolissima azienda nei numeri, pochi filari di vite, ma la passione ha la meglio sulle difficoltà logistiche derivanti dalla mancanza di economie di scala. La passione e, aggiungiamo, il coraggio di perseguire comunque rese molto basse, a costo di dover rinunciare a qualche bottiglia (meno di cinquemila quelle prodotte nell'ultimo anno!). Passione e coraggio, dunque; e il risultato, Augusto, è che hai fatto bene a fare quel rosato. É davvero buonissimo.

 

PRIMUM 2014  

Tipologia: Rosso Igp | Uve: Sangiovese 59%, Sagrantino 23%, Alicante 18% | Gr. 12,5%

Granato. Pepe rosa, mora di gelso, eucalipto, legno di cipresso esprimono un naso territoriale e di gran carattere. Fresco, interpreta benissimo un'annata non facile. Ventitré mesi in acciaio, poi affina parte in botte, parte in barrique. Un anno, poi, in vetro.

 

ALBAROSA 2017  

Tipologia: Rosato | Uve: Sangiovese 100% | Gr. 13,5%

Chiaretto. Il naso è vinoso e schietto, ricco di erbe officinali, rabarbaro, melograno. Denso e caldo in bocca, ha chiusura che ricorda il chinotto. Rosato decisamente atipico, ma anche molto buono. Solo acciaio.

 

 

Collespino Tenimenti | Bibenda 2018

"Quando si è ”piccoli” nei numeri si hanno magari alcune difficoltà, ma si può raccontare meglio ciò che si fa. A leggere la scheda del vigneto di proprietà di questa giovane Azienda (estensione: 1,20 ettari, meno di seimila bottiglie prodotte) si apprendono molte cose: che è ubicato a 220 metri sul livello del mare, che il terreno ha composizione argillosa con origine fossile, che l’esposizione è sud-sudovest, che la densità di impianto è di 5.000 ceppi per ettaro….ciò che non può però essere scritto è che da queste circa seimila piante in tutto si ottengono vini che, nonostante la giovane età delle viti, stanno oramai entrando nel pieno della maturità espressiva. Nella scorsa edizione della Guida annunciavamo l’assaggio in anteprima del Primum e dell’Argyrion 2013; ebbene, avendo quest’anno finalmente potuto provare queste etichette in versione definitiva, confermiamo che sono vini di grande carattere, di elegante costruzione ma soprattutto di assoluta bontà, che ottengono di slancio punteggi di quattro grappoli, con possibilità, nel futuro, di ulteriori clamorose sorprese. Primeggia di un soffio l’Argyrion, blend di Sangiovese e Sagrantino, soprattutto per la personalità spiccata che costituisce una eccellente interpretazione del territorio. Bravi, Augusto e Silvia, sommelier di Fondazione ed ora produttori: la strada è davvero quella giusta."

 

PRIMUM 2013                                                              ACQUISTA ONLINE

Tipologia: Rosso Igp | Uve: Sangiovese 51%, Sagrantino 33%, Alicante 16% | Gr. 13,5%

Cupo rubino. Il naso esordisce con note balsamiche di menta, con felce, con cuoio di Russia, con mirtillo, con chiodo di garofano. Si spiega poi su note di ferro e cioccolato fondente. Bocca che sorprende per la vivida freschezza, che le dona eleganza e spigliatezza di beva. Lungo il finale. Sosta in legno di varia capacità, poi lungo affinamento in bottiglia.

Abbinamento: Umbricelli al sugo d'oca, Arista di maiale con salsa di prugne

 

 

ARGYRION 2013                                                         ACQUISTA ONLINE

Tipologia: Rosso Igp | Uve: Sangiovese 71%, Sagrantino 29% | Gr. 13,5%

Rubino non compatto. Naso davvero interessante, di gran carattere, in cui alle iniziali note dolci di marena, rosa e carruba si sovrappongono presto canfora, terriccio, spezie orientali, tabacco Virginia. In bocca il tannino è indomito ma in via di integrazione; ottimo ed equilibrato il finale. Sedici mesi in acciaio, breve sosta in tonneau poi lungo affinamento in bottiglia.

Abbinamento: Spezzatino di agnello in umido, Faraona in tegame

 

 

 

Collespino Tenimenti | Bibenda 2017

"Il vino è il canto della terra verso il cielo": l’indimenticabile verso (perchè tutti i suoi scritti per noi sono Poesia) di Luigi Veronelli campeggia sulla home page di questa bella realtà umbra, dietro la quale ci sono due coniugi romani, Augusto e Silvia Di Marziantonio, avvocati e sommelier FIS. L’anno scorso, all’esordio in Guida, i due vini presentati, il Primum e l’Argyrion, ci parvero particolarmente riusciti, tenendo anche conto della giovane età delle vigne. Al di là di questo, ci piaceva anche l’amore per un progetto a lungo coltivato, che certamente, sovrapposto com’è all’attività professionale, richiede impegno e sacrificio, ma al quale Augusto e Silvia tengono particolarmente. Augusto, del resto, rivendica con orgoglio il fatto che la propria famiglia fosse dedita all’agricoltura.

 

Quest’anno uscirà solo il Primum, prodotto in una manciata di bottiglie a causa dell’annata (la 2012) molto difficile. Ma il risultato premia i Di Marziantonio: il vino supera agevolmente l’asticella dei quattro grappoli. Abbiamo assaggiato in anteprima anche il Primum e l’Argyrion dell’annata 2013, ancora in affinamento in vetro. Entrambi molto promettenti, goloso e speziato il primo, più scuro e minerale il secondo. Ne parleremo nella prossima edizione.

 

PRIMUM 2012                                                             ACQUISTA ONLINE

 

Tipologia: Rosso Igp | Uve: Sangiovese 69%, Sagrantino 24%, Alicante 7% | Gr. 14%

Tra il rubino ed il porpora. Naso elegante, ricco di suggestioni in bilico tra note fruttate (visciola, prugna fresca) e sentori più scuri che evocano territorialmente il ginepro e la terra smossa, poi eucalipto a donare freschezza balsamica. Si affacciano infine sensazioni di cola. Fresco ed equilibrato all’assaggio, manca appena di un pizzico di lunghezza (l’annata difficile ha esatto il proprio dazio) ma è appagante ed elegante. Sedici mesi in inox, breve passaggio in legno poi quasi due anni in vetro.

Abbinamento: Faraona in salmì, Tagliatelle ai porcini.

 

 

 

Collespino Tenimenti | Bibenda 2016

 

PRIMUM 2011

Tipologia: Rosso Igp | Uve: Sangiovese 65%, Sagrantino 30%, Alicante 5% | Gr. 13,5%

Rubino. Impatto suggestivo al naso, con felce, mentuccia, rosmarino, lavanda, mora di rovo, suggestioni balsamiche. Bocca austera ma godibile. Chiude su note mentolate. Venti mesi in legno.

Abbinamento: Spezzatino di manzo con funghi

 

ARGYRION 2011 

Tipologia: Rosso Igp | Uve: Sangiovese 93%, Sagrantino 7% | Gr. 13,5%

Rubino di media compattezza. Al naso racconta amarena, china, caffè americano, erbe officinali, olive in salamoia. Bocca vivace, equilibrata, discreta la persistenza. Venti mesi in barrique e tonneau.

Abbinamento: Pollo alla cacciatora

 

 

PRIMUM 2014               88/100

Consistenza: 32

Equilibrio: 29

Integrità: 27

2.345 bottiglie

Sangiovese 59%, Sagrantino 23%, Alicante 18%

 

Sensazioni: un gran frutto vive in questo vino: c'è polpa maestosamente fitta, suadenza, morbidezza di rotondità impressiva, eppure tonicità e tannicità del gusto. Impedito all'amaro esubero il tannino, che convergendo sulla dolcezza compositiva della base del vino porta il suo gusto di amarena a carnose espressioni, a turgidità ultrapolpose. Per raggiungere queste armoniche fusioni fra polpa e bucciosità inspessente, eccellente no solo la consistenza della materia prima impiegata, bilanciata la sua estrazione, giustapposta in intensità la proporzione fra aromi primi e secondari (fermentativi) del frutto. Con la pulizia e la speziosità di questo frutto, enologica virtù, tecnicamente eccellente.

 

PRIMUM 2013               89/100

Consistenza: 31

Equilibrio: 29

Integrità: 29

3.890 bottiglie

Sangiovese 51%, Sagrantino 33%, Alicante 16%

 

Sensazioni: due i suoi punti di forza: la ricchezza di estratti, che denso lo rende in ogni incedere, la favolosa morbidezza del suo gusto, dal tannino avvolto in manti di dolcezza ultrapolposa.

Da un lato nuances olfattive di visciole e ciliegia nera, dall'altra note di frutti di bosco più delicati quali lampone, mirtillo, anche uva.

Un profumo, un aroma ampio e variegato, sfumato dalle spezie, reso balsamico dallo sviluppo evolutivo.

È buona la nitidezza enologica della trasformazione, mentre la consistenza è più che ottima, la morbidezza del gusto priva di strappi o di amare occlusioni. Un vino di grande ventaglio e fragranza mentosa d'aroma.

 

PRIMUM 2012               89/100

Consistenza: 31

Equilibrio: 29

Integrità: 29

2.630 bottiglie

Sangiovese 69%, Sagrantino 24%, Alicante 7%

 

Sensazioni: un campione ricco e avvolgente. Pieghe e pieghe di velluto setoso, il suo tatto è fatto di pianto: glicerinoso, sulla lingua e sulle pareti del calice. Un vino di superiore potenza e possanza balsamica, con le sue spezie dichiaratamente, potentemente dolci e mentosamente effusive. Nitida l'aria olfattiva, non più che solarmente evoluto il frutto basale. Assenza di note improprie e buona integrità ossidativa residua che assicurano energia, intensità, vivacità e trasparenza alla balsamica corrente del suo aroma. Doni di virtuosa enologia esecutiva. È così che il vino rivela in modo non aggressivo, per via di ottimo equilibrio gustativo, l'ingente massa dei suoi potenti e ancor limpidi succhi.

 

ARGYRION 2011            90/100

Consistenza: 31

Equilibrio: 30

Integrità: 29

1.450 bottiglie

Sangiovese 93%, Alicante 7%

 

Sensazioni: un grande vino, con la delicatissi­ma dolcezza della composta sua: di mora e balsa­mi linfatici, di dolcezza esaustiva. Gran dolcezza al palato, in deglutizione squisitamente fruttato; gran dolcezza al profumo, di frutto e di spezie, di menta e di nera ciliegia. Ciò scaturisce da un estratto fitto (segno in questa focosa annata di vi­ticoltura eccellente), da una trasformazione enolo­gica di superiore pregio. Il risultato sensoriale è un vino dal colore bordeaux sfumato di viola profon­do, al naso vissuto da un frutto di vanigliata sua­denza d’aroma; al palato capace di porgersi con eccezionale, delicata souplesse. Nulla da urlare, tutto suadentemente da carezzare. Grazie ai suoi possenti estratti, con la nitida livrea splendente del suo ben integro, e armonioso cassis.

 

PRIMUM 2010               89/100

Consistenza: 32

Equilibrio: 29

Integrità: 28

2.100 bottiglie

Sangiovese 50%, Sagrantino 35%, Alicante 15%

 

Sensazioni: da subito appare fitto, nero al colore e opaco, fin nelle gocce viola che abbondante trasuda sulla parete verticale del cristallo: una soluzione allora di trama e spessore frenante, come è densamente dato osservare. Gran densità ancora all'olfatto, con la sua inalazione che trova muro di polpa di frutto in cui ogni cellula olfattiva è inglobante la dolcezza del rovere. Assai denso al tatto, possente in uscita, poi rotondo, balsamico, vanigliato e infine mentoso. Il tannino è si fitto, ma la morbidezza in circolo riesce efficacemente a bilanciare, a stondare. Un vino di concentrazione eccellente, di nitidezza enologica esecutiva e di persistenza aromatica davvero eccellente.

 

PRIMUM 2009               87/100

Consistenza: 31

Equilibrio: 28

Integrità: 28

1.900 bottiglie

Sangiovese 60%, Sagrantino 25%, Alicante 15%

 

Sensazioni: pastoso nel suo mix frutto/spezie, le seconde non più accese della polposa dolcezza del primo, si presenta ben intenso e vivo all’olfatto. In favore della turgidità, regredisce la balsamicità della fase, con anche il gusto che da questa maggiore vivacità trae evidente vantaggio. La sua marasca ha fragranza carnosa, la sua mole giunge vigorosa e accesa nella sua nitida, persistente, calorosa emissione. Un mix di potenza e frescore che carezza mentosamente persistente. Un’applicazione enologica di qualificante pulizia, una suadenza di gusto avvolgente, una persistenza e longevità potenziale di rilevante tenore.

 

 

 

 Collespino Tenimenti di Augusto Di Marziantonio, Strada di Collespino, 35 Narni (TR) Italy P.Iva 08254820585